RED, anticipata la discussione. M5S: “assoluta assenza di programmazione, impossibile lavorare cosi’”
venerdì 26 febbraio 2016
“Questo Governo regionale e questa maggioranza PD continuano a dimostrare scarsa programmazione e mancanza di rispetto per il consiglio regionale e per le opposizioni. Questa mattina si è arrivati ad anticipare in fretta e furia una riunione su una questione importante come il Red senza tenere in considerazione le esigenze di programmazione di tutti i gruppi.  Motivazioni che l'Ufficio di Presidenza ha trasmesso al Presidente della I Commissione, poi smentite dai fatti tanto da aver portato lo stesso presidente Amati a dichiarare "che d'ora in poi chiederà informazioni per iscritto all'Ufficio di Presidenza". ”

lo dichiarano i consiglieri della I Commissione Bilancio Mario Conca ed Antonella Laricchia che questa mattina  avevano richiesto una sospensiva come consentito dal regolamento, chiedendo di ripristinare la data originaria per lavorare al meglio:

“Stiamo lavorando nell’interesse dei pugliesi per aumentare il contributo e la platea dei beneficiari - proseguono Conca e Laricchia - a tal fine abbiamo commissionato degli studi che ci verranno commissionati entro domenica. Questa anticipazione senza preavviso non ha consentito a noi di fornire il nostro contributo documentato e scientifico e addirittura ad altri gruppi di opposizione la loro presenza. Ma si può lavorare così su un provvedimento talmente importante? Se il Governo ama lavorare in modo tanto superficiale con risultati che sono sotto gli occhi di tutti, almeno noi gradiremmo farlo con maggiore attenzione su provvedimenti di tale importanza e sulla quale abbiamo cercato di collaborare nonostante abbiamo dimostrato, dati ISTAT alla mano, che sarà assolutamente inadeguata.”
 
I cinquestelle concludono richiedendo a Governo e maggioranza maggior rispetto per le opposizioni: “Abbiamo riscontrato la stessa mancanza di rispetto e di spirito di collaborazione dimostrata quando si è trattato di bocciare tutti i nostri emendamenti o quando si è trattato di progettare un piano di riordino ospedaliero che non è stato condiviso nè con il Consiglio regionale nè con il territorio. Un comportamento che non intendiamo più tollerare, il governo e la maggioranza inizino a dimostrare un po’ più di rispetto per le forze di opposizione che rappresentano centinaia di migliaia di cittadini pugliesi.”