Conclusa la tre giorni nel Salento della Commissione Parlamentare anti Mafia.
mercoledì 24 febbraio 2016
Conclusa la tre giorni nel Salento della Commissione Parlamentare anti Mafia. Rosy  Bindi: “Attenzioneremo il Comune di Brindisi e l’inchiesta sui rifiuti andrà avanti”.

Una tre giorni fondamentale, con incontri, appunti, sopraluoghi, testimonianze, riflessioni, anticipazioni. La tre giorni tra il territorio brindisino e quello leccese della   Commissione Parlamentare anti mafia guidata dall’on. Rosy Bindi e di cui hanno anche fatto parte il sen. Vittorio  Zizza (Conservatori e Riformisti) e Salvatore   Tomaselli (Partito  Democratico).
E nell’ultimo giorno la Commissione arriva ad una conclusione, un documento che sarà a disposizione delle istituzioni, i prefetti, procuratori, le comunità.  “La Sacra    Corona Unita come il nuovo Welfare, il nuovo stato sociale alternativo allo Stato, l’ unica vera  “agenzia di recupero crediti”  nel Salento. Così la SCU diventa una   “mafia amica del territorio”, accresce il suo consenso, trampolino per fare il salto di qualità e aumentare di conseguenza la capacità, al momento circoscritta, di infiltrarsi nella politica”.

Insomma, una “fotografia”  ampia, netta, che, come ora vedremo,  comprende anche Brindisi, soprattutto in termini di attenzione e allarme.  “i pentiti hanno riferito che i cittadini si sono rivolti a loro per avere denaro, e, in questo periodo di crisi, chi presta soldi rischia di essere visto non come un usuraio ma come colui che dà credito”.

Secondo le risultanze della Commissione, una “spia di allarme”  sono le pochissime per l’usura cosiddetta “tradizionale”, a fronte delle tante per usura bancaria, fenomeno molto particolare e che non ha simili in Italia. Continua Rosy Bindi: “ il    Salento ha tutte le energie  per reagire e scommettere sull’economia legale.  Ma tutta la classe dirigente, politica, economica e sociale, deve sentirsi coinvolta”.
Insomma, un invito a non abbassare la guardia, a vigilare sul rapporto tra politica e  criminalità organizzata. Sono stati  sciolti consigli comunali  come quello di Cellino  San Marco, altri comuni sono attenzionati come Gallipoli, Surbo, e anche Brindisi.

Sentite le significative parole dell’ esponente del Partito Democratico su  Brindisi e  Taranto.  “Il  Comune di Brindisi, soprattutto dopo la vicenda  rifiuti, continuerà  ad essere attenzionato e oggetto di indagini. Proprio nel sistema rifiuti, e non mi riferisco solo alla realtà brindisina, si possono addensare e incrementare rapporti pericolosi tra amministrazioni e gruppi di potere e criminalità”. Infine, su Taranto: “la situazione sociale di Taranto rischia di essere terreno fertile, concretamente, per le organizzazioni mafiose. Uno scenario preoccupante”.

Articolo di Ferdinando Cocciolo. 




lunedì 15 luglio 2024
L’appello alle aziende lanciato dal Ministro all’Ambiente Pichetto Fratin di Forza Italia durante l’incontro in Prefettura con le organizzazioni sindacali, è assolutamente condivisibile e ovviamente auspichiamo che ...
lunedì 15 luglio 2024
 CISL TARANTO BRINDISI , SOLAZZO - Apprezzando la sensibilità di S.E. il Prefetto di Brindisi Dott. Luigi Carnevale e la disponibilità del Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica Gilberto Pichetto ...
lunedì 15 luglio 2024
MICOROSIA, FINE LAVORI BONIFICA - Micorosia: con una cerimonia, stamattina 15 luglio si è brindato alla fine degli interventi di messa in sicurezza e bonifica dell’Area.  Gli interventi di bonifica, del valore di poco ...
lunedì 15 luglio 2024
Dopo il recente assalto al portavalori lungo la strada Brindisi – Lecce, vicino a Torchiarolo, la Polizia di Stato, su disposizione del Questore di Brindisi Giampietro Lionetti, ha intensificato i controlli del territorio. Nella ...
lunedì 15 luglio 2024
BRINDISI - Il concerto intitolato "Il Cinema, la Musica, il Jazz" è un sofisticato e avvincente connubio tra tre espressioni artistiche che si fondono in un’unica esperienza musicale di rara bellezza. L’evento vede la ...