Donazione di organi, inaugurata la stanza di accoglienza
giovedì 29 maggio 2008

E’ stata inaugurata, nell’Unità operativa di Rianimazione dell’Ospedale “A. Perrino” di Brindisi, una stanza di accoglienza che servirà per informare i parenti dei pazienti ricoverati nel reparto sull’importanza della donazione di organi e sulla possibilità di effettuarla.


Alla cerimonia hanno preso parte il direttore generale Rodolfo Rollo, il direttore sanitario Emanuele Vinci, il direttore dell’Unità operativa di Rianimazione Vincenzo Caretto; il governatore del Rotary Internarional del distretto 2120 Vito Casarano, il segretario distrettuale Giuseppe Massarelli, il presidente della commissione donazione organi Vito Scalera, i presidenti del Rotary Club di Brindisi e del Rotary Brindisi Valesio, rispettivamente Mario Criscuolo e Raffaele Montanaro.


“Oggi mettiamo a disposizione dell’utenza - ha dichiarato il direttore generale dell’ASL BR Rodolfo Rollo – uno strumento di qualità per poter consentire ai nostri operatori di poter fare al meglio il proprio lavoro. Credo che sia un esempio importante di sinergia tra una struttura pubblica e un’organizzazione privata che opera nel campo del sociale, quale il Rotary International, per individuare in maniera mirata dei punti di intervento che, senza essere invasivi rispetto all’organizzazione, quasi in punta di piedi, offrono la possibilità di poter fare un gesto di solidarietà e di grande umanità”.


Da qui l’idea di realizzare questa stanza di accoglienza dove saranno messi a disposizione degli operatori sanitari che forniranno informazione e daranno conforto a quanti si trovano a dover effettuare una scelta che, sebbene al momento possa risultare difficile, serve a salvare altre vite umane.


“Questo è un service – ha dichiarato Vito Casarano, governatore del distretto 212 del Rotary International - organizzato dal Rotary International per agevolare la cultura della donazione degli organi. Questa sala ospiterà i parenti dei pazienti non solo per l’accoglienza ma anche per prospettare loro la possibilità di procedere alla donazione degli organi. Il Rotary ha allestito questa stanza ma ovviamente è l’ospedale che si occupa, attraverso i propri operatori sanitari, di questa attività di informazione all’utenza. Speriamo in questa maniera di migliorare la posizione della Puglia in Italia nell’ambito della donazione organi che al momento è una delle regioni ‘Italia con la più bassa percentuale di donazioni”.


“Stiamo riorganizzando tutta la programmazione della donazione e del trapianto – ha dichiarato il dottor Schena, responsabile regionale sulla donazione egli organi - su tutto il territorio regionale tra cui proprio la possibilità utilizzare queste sale di accoglienza che sono molto importanti ai fini della donazione degli organi. Riteniamo che questa iniziativa possa essere molto valida e dare un contributo valido al nostro programma”.



Brindisi, 28/05/02008