AIDAA ”libera” cane segregato da mesi sul balcone
martedì 12 maggio 2015

C'è voluto un risoluto intervento della propresidente nazionale di AIDAA Antonella Brunetti per mettere fine ad una situazione di maltrattamento in cui veniva tenuto un cane a Latiano in provincia di Brindisi. Il cane da mesi stava per ore ed ore sul balcone, senza poter bere, ne mangiare ne ripararsi dal sole, vivendo per buona parte della giornata in mezzo ai propri escrementi, nonostante le diverse segnalazioni fatte fino a qualche giorno fà la situazione era rimasta pressochè immutata.


Ma Antonella Brunetti una volta ricevuta la segnalazione dei cittadini  ed aver visionato le foto ed i filmati del cane detenuto sul balcone ha dapprima telefonato ai carabinieri e con toni fermi ha spiegato la situazione ed ha indicato quali erano le procedure da seguire.  Dopo nemmeno un'ora dalla segnalazione  questi sono  intervenuti  insieme al dottor Vito Magli  direttore veterinario del servizio benessere animali dell'ASL di Brindisi che hanno immediatamente fatto i rilievi fotografici ed avviato le procedure per la denuncia ai proprietari del cane per il reato di maltrattamento aggravato (articolo 544 ter del codice penale) di animali, successivamente la  propresidente nazionale ha formalizzato la segnalazione attraverso un esposto contro il proprietario del cane per maltrattamento aggravato e per  lo stato di abbandono a sè stesso in cui si trovava l'animale. 


Nel frattempo ottime notizie anche per il cane che ha finito la sua prigionia, infatti grazie alla segnalazone ed al tempestivo intervento dei veterinari dell'ASL il cane ora può stare sul balcone, ma ha la finestra aperta per entrare ed uscire dalla casa. Soddisfatta la propresidente AIDAA Antonella Brunetti: "Erano mesi che i vicini segnalavano questa situazione, ora finalmente dopo il nostro esposto e l'intervento tempestivo dei carabinieri e del dottor Vito Magli direttore dell'area benessere animali dell'ASL veterinaria di Brindisi la situazione si è risolta con il cane che può andare e venire da casa al balcone e con il proprietario che sarà denunciato per maltrattamento".