”Minacce e proiettili al M5S”
giovedì 7 maggio 2015

La denuncia è arrivata da Alessandro Di Battista. «Ci è arrivata questa letterina», ha scritto su Facebook il parlamentare del Movimento 5 stelle. «Un proiettile e qualche minaccia. Ne dovrebbero parlare tutti i giornali d'Italia, ma siamo il M5s e fa poco notizia».


A darne la notizia sono gli attivisti del 5 Stelle Uniti per Brindisi tramite il  loro candidato   Consigliere regionale in Puglia per la prossima  Campagna  elettorale Regionale  Gianluca Bozzetti.  Il riferimento è alla lettera pervenuta l’1 Maggio scorso al  candidato sindaco di Bronte (Catania) Davide Russo lo scorso 1 Maggio, ma intestata a tutti i parlamentari e attivisti del Movimento come evidente nell’intestazione.


«ULTIMO AVVERTIMENTO». Lo stesso Di Battista ha pubblicato su Facebook l'immagine della lettera in questione, indirizzata a «senatori, deputati, candidati e attivisti»» pentastellati con un proiettile appoggiato sopra. Una missiva che presenta la scritta: «Questo è l'ultimo avvertimento, ne abbiamo a sufficienza per tutti».


«CERCANO DI INTIMORIRCI». «Pensate se avessero mandato (speriamo che mai nessuno lo farà) un proiettile a Renzi, Brunetta, alla Santanchè o alla Boschi cosa sarebbe successo», ha denunciato Di Battista, sottolineando: «Che la mafia ci detesti è un fatto noto (e anche un motivo d'orgoglio). Ricordo le parole che Buzzi disse a Carminati: 'Grillo ha distrutto il Pd, noi non ci stiamo più'. Ora questi 'ominicchi' cercano di intimorirci con lettere e proiettili. E fanno bene a provarci. Noi siamo loro nemici e se dovessimo andare al governo a Bronte o in Sicilia iniziassero a scappare».

Marcello Altomare