Mensa scolastica. La qualità del servizio devastata da madornali errori e dal sistema burocratico e degli appalti -di Ferdinando Cocciolo-
martedì 20 gennaio 2015

Inizia male il nuovo appalto mensa scolastica della  ditta Markas. Menù odierno (come documentato da foto  scattate da genitori  e insegnanti) : Riso praticamente senza brodo, e Polpette crude.



Ma è giusto che la qualità di un servizio,soprattutto se riguardante direttamente la vita e la salute dei nostri figli, sia danneggiata da errori madornali, inadempienze, ritardi, rivenienti da un sistema burocratico (inevitabilmente legato alle attività amministrative -politiche) e degli appalti che, in varie realtà della provincia brindisina e non solo, fa “acqua” da tutte le parti?


Le foto che alleghiamo (che poi sono quelle che stanno praticamente girando sulle varie testate on line e sui social network) sono emblematiche, più forti di ogni polemica, dichiarazioni più o meno ufficiali, accuse, contro accuse.


Il secondo giorno di mensa nelle scuole comunali brindisine, dopo la sospensione del servizio  per circa due mesi e il subentro nell’ appalto della ditta Markas, è stato “catastrofico”  e  devastante per i bambini e le loro famiglie. Foto scattate dai genitori e da qualche  insegnante in varie scuole brindisine, tra cui anche la San Lorenzo: menù odierno?  riso  praticamente senza brodo e polpette crude.


Beh, se questo è il “biglietto da visita” del nuovo servizio - appalto, non ci siamo proprio e, vedrete, continueranno  (più che giustificate)  le proteste delle famiglie e il comitato che si stava  già attivando per le denunce alla Procura della Repubblica.


Auguriamoci, e lo auguriamo naturalmente anche  alla Markas, che sia solo un “incidente di percorso”, risolvibile. Altrimenti, ci sarebbe davvero da riflettere  (e seriamente) sulla bontà di certe operazioni e sulla competenza e capacità di chi ricopre ruoli istituzionali ma, evidentemente, senza avere meriti e motivazioni.


Editoriale di Ferdinando Cocciolo.