Lecce. Convegno: Costruiamo Architettura... Qualità
martedì 8 aprile 2008

Convegno: Costruiamo Architettura... Qualità, il 18 aprile  - castello Carlo V-  Lecce. Iniziativa promossa da : Punto a Sud Est centro studi - Confindustria Lecce - Sezione Costruttori Edili Ance - Scuola Edile provincia di Lecce


In un’epoca caratterizzata da grandi contraddizioni, si ritiene necessario attivare un confronto per la messa a fuoco e la ricerca di un’ architettura di qualità.

Termini come paesaggio, territorio, ambiente, associano concetti come marketing, sviluppo, turismo; parole composte come marketing-territoriale, sviluppo sostenibile, progettazione ambientale, fino a poco tempo fa impronunciabili e sconosciute, ormai fanno tendenza nel nostro lessico quotidiano.


In realtà ad un uso spesso indiscriminato di questi nuovi termini non corrisponde un reale significato delle cose, soprattutto se si guarda ad una situazione nazionale, dove non si riesce ad imbastire una politica organica di sviluppo che interessi tutti i saperi attraverso una programmazione infrastrutturale e una qualità architettonica.


La necessità di uno sviluppo edilizio ed infrastrutturale quantitativamente molto rilevante, da un lato, e l’incapacità e/o impossibilità di un efficace governo delle trasformazioni territoriali, dall’altro, hanno prodotto il degrado diffuso che tutti conoscono.


Ma, proprio nel momento in cui la richiesta di una maggior qualità del costruito è più manifesta, tutto ciò che ci circonda stenta a migliorarsi.


Con questi presupposti si terrà a Lecce il18.04.2008, il convegno “Costruiamo architettura di…qualità” promosso dal centro studi Punto a Sud Est in collaborazione con ANCE Sezione Puglia e la Scuola Edile della provincia di Lecce.


Un unico tavolo dove l’industria delle costruzioni, con il suo articolato tessuto di imprese che comprende  quasi due milioni di occupati, la scuola edile, con la sua politica di valorizzazione delle attività artigianali e degli antichi mestieri, patrimoni culturale da salvaguardare, e le ricerche condotte dalla Punto a Sud Est, incontrano i diversi attori che
interpretano differenti ruoli nel fare del costruito, dalle istituzioni, agli addetti ai lavori,  all’opinione pubblica.


All’apertura del convegno, verrà illustrata la ricerca, a cura degli architetti Alfredo Foresta e Tiziana Panareo, “Almanacco 07, Architetture al margine”, Editrice Dedalo Roma, che intende:


- Promuovere i giovani architetti salentini e le loro architetture sull’intero territorio nazionale attraverso organizzazione di giornate di studio, incontri periodici e iniziative in collaborazione con enti pubblici e privati nell’ambito di progetti specifici e programmi
nazionali.


- Raccontare il Salento e le sue più recenti trasformazioni attraverso l’architettura contemporanea.


- Monitorare lo stato della qualità architettonica nel territorio.


La mostra, patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali (richiesto in data 27.09.07), dall’Università del Salento, dal Comune di Lecce, dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Lecce, dalla Camera di Commercio di Lecce e dalla Scuola Edile della provincia di Lecce verrà inaugurata il 18.04.08 nelle sale del castello di Carlo V di Lecce e si
protrarrà sino al 14.05.08.


Il convegno e la mostra si propongono di affermare come, unendo le differenti sezioni in un’unica regia, l’architettura possa, e debba, costituire uno dei principali strumenti di riferimento per ogni tipo di trasformazione territoriale, perché qualsiasi intervento dell’uomo sul territorio produce costruito.






AAA CERCASI ARCHITETTURE AL MARGINE – ALMANACCO 2007


Si è conclusa la ricerca AAA CERCASI ARCHITETTURE AL MARGINE – ALMANACCO 2007, iniziata un anno fa, mirata al monitoraggio del territorio salentino attraverso le esperienze professionali dei giovani architetti e l’innovazione delle aziende che meglio identificano ricerca e sviluppo a supporto di una qualità architettonico - ambientale.


Il volume, a cura degli architetti Alfredo Foresta e Tiziana Panareo, con l’introduzione di Alberto Ferlenga, Margherita Guccione e Marco Mulazzani,  Editrice Dedalo Roma, intende:

- Promuovere i giovani architetti salentini e le loro architetture sull’intero territorio nazionale attraverso organizzazione di giornate di studio, incontri periodici e iniziative in collaborazione con enti pubblici e privati nell’ambito di progetti specifici e programmi
nazionali.


- Raccontare il Salento e le sue più recenti trasformazioni attraverso l’architettura contemporanea.


- Monitorare lo stato della qualità architettonica nel territorio.


Una presa di posizione, una scelta, un percorso, una ricerca Architetture al margine dove riflettere, discutere, misurare la qualità ambientale e architettonica di questo territorio, senza alibi, ma con la consapevolezza di un duplice ruolo: uno legato alla nostra attuale condizione di “giovani” speranze e l’altro di giovani architetti abitanti di questa
terra e cittadini del mondo.


Probabilmente il merito di questa ricerca non va individuato nei contenuti o nella sua metodologia, o per le contraddizioni rilevate, ma quanto nell’aver coinvolto direttamente tutte le parti attive che ad ogni grado governano i cambiamenti delle città, facendole divenire ulteriori autori, parte attiva di questa ricerca.


Ne sono testimonianza i patrocini riconosciuti alla ricerca di seguito elencati:


Università del Salento, Comune di Lecce,
Ordine degli Architetti della Provincia di Lecce,
Confindustria Lecce Sezione Costruttori Edili Ance,
Camera di Commercio di Lecce,
Scuola Edile della provincia di Lecce,
Ministero per i Beni e le Attività Culturali (richiesto in data 27.09.07)


21 progetti di:
Massimo Accoto
Laura Aguglia + Michele Martina
Cosimo Antonaci
Juri Battaglini + Gaetano Fornarelli + Mauro Lazzari + Marta Montinari
Marcello Buggemi
Antonio Stelvio Carpentieri
Giuseppe Carra
Luigi Cisternino
Fabio Cito + Giovanni Negro
Giancarlo De Pascalis
Paola Donatio + Maria Teresa Grasso
Francesca Fiore + Mauro Merlo + Lorenzo Spagnolo
Aldo  Flore + Rosanna Venezia
Alfredo Foresta + Tiziana Panareo
Antonio Forte
Danilo Luigi Giaffreda
Daniele Giordano + Luca Giordano
Massimo Longo
Rosario Persichino + Luca Ruzza
Daniele Francesco Santoro
Sergio Ventura


danno, in parte, una lettura socio economica, altre che architettonica, del nostro territorio.


Personalmente ci risulta difficile pensare che in Italia, più istituzioni di vario ordine e grado, associazioni di categoria, università, maestranze, ordini professionali e architetti, condividano un almanacco di architettura, dove l’architettura oggetto di studio è costruita da giovani architetti di periferia.


Tutto questo può essere interpretato come il segno dei tempi, se volete un nuovo modo di leggere i cambiamenti di un territorio, in una nazione come la nostra in cui la percentuale di opere realizzate dagli architetti, rappresenta la famosa goccia nell’oceano, dove la percentuale di opere non realizzate è pari al debito pubblico, accontentiamoci di questa
pubblicazione, purché si parli di architettura costruita.


Il risultato di tale ricerca sarà presentato all’interno di una mostra che sarà inaugurata il 18.04.08 nelle sale del castello di Carlo V di Lecce e si protrarrà sino al 14.05.08.