Per quanto mi riguarda non ho alcuna difficoltà a ribadire la posizione contraria a tale insediamento, ripetutamente espressa in questi due ultimi anni e rintracciabile negli stessi atti parlamentari, nonché oggetto di ampia discussione ed elaborazione negli organismi dirigenti della forza politica dalla quale provengo prima che si sciogliesse nel PD, ovvero i Democratici di Sinistra.  In attesa che una rinnovata ed adeguata discussione ed elaborazione collegiale possa vedere impegnati su tali delicati temi anche gli organismi dirigenti nel Partito Democratico di Brindisi, voglio confermare le mie personali valutazioni.In relazione al rigassificatore di Brindisi, intendo richiamare, innanzitutto, l’iniziativa del Governo Prodi ispirata sin dall’inizio del suo mandato, politicamente e giuridicamente, a due obiettivi ineludibili: ripristinare la legalità e la legittimità di ogni procedura amministrativa in una materia così complessa e, in secondo luogo, assumere come vincolante il pronunciamento ripetuto ed esplicito delle Istituzioni locali (Regione, Provincia e Comune) contrarie alla realizzazione di tale impianto.La sospensione dell’autorizzazione alla Brindisi LNG è risultata essere un atto conseguente a tale iniziativa, anche in relazione alla procedura di infrazione promossa dalla Commissione Europea e formalizzata il 18.07.2007 nei confronti dell’Italia per la assenza del procedimento di Valutazione di Impatto ambientale nei confronti delle opere previste, nonché per non avere consultato la popolazione locale ai sensi della cosiddetta direttiva Seveso, sconfessando la forzatura compiuta dal Governo Berlusconi che rilasciò il 21 gennaio 2003 una autorizzazione che si è rivelata inefficace ed illegittima.Non ci ha mai mosso  alcuna sindrome Nimby (non nel mio giardino) nell’opposizione alla realizzazione di tale impianto. Il territorio di Brindisi ha dato in questi anni, infatti, un contributo altissimo al paese, ospitando il più grande polo energetico d’Europa (circa 5000 MW, di cui quasi 4000 a carbone; 8 milioni di tonnellate di carbone movimentati nel porto) e una serie di impianti industriali dalla pesante incidenza ambientale. Ricorderò, infine, come la Regione Puglia abbia manifestato formalmente la disponibilità ad ospitare sul proprio territorio la realizzazione di un impianto di rigassificazione, purchè ciò avvenga nel pieno rispetto delle procedure di più ampia trasparenza, salvaguardia ambientale e coinvolgimento delle popolazione interessate.Qualunque sia l’esito della prossima consultazione elettorale, continueremo il nostro impegno per la salvaguardia della imparzialità della pubblica amministrazione e per tutelare l’esigenza ineliminabile di pieno e consapevole coinvolgimento delle comunità locali dinnanzi a impianti di tali natura: due principi assolutamente insormontabili per qualunque Governo e di fronte a qualsiasi investimento. Brindisi, 18.03.2008" />--> BrindisiSera.it - Politica, Rigassificatore. Tomaselli ribadisce la sua contrarietà.
Rigassificatore. Tomaselli ribadisce la sua contrarietà.
martedì 18 marzo 2008

Nei giorni scorsi le Associazioni ambientaliste hanno chiesto ai candidati alle elezioni politiche del prossimo aprile di esprimersi sul tema dell’impianto di rigassificazione proposto dalla Brindisi LNG.


Scopri i prezzi più bassi per i voli Alitalia!
 


120x60_ITA_gif

Per quanto mi riguarda non ho alcuna difficoltà a ribadire la posizione contraria a tale insediamento, ripetutamente espressa in questi due ultimi anni e rintracciabile negli stessi atti parlamentari, nonché oggetto di ampia discussione ed elaborazione negli organismi dirigenti della forza politica dalla quale provengo prima che si sciogliesse nel PD, ovvero i Democratici di Sinistra. 


In attesa che una rinnovata ed adeguata discussione ed elaborazione collegiale possa vedere impegnati su tali delicati temi anche gli organismi dirigenti nel Partito Democratico di Brindisi, voglio confermare le mie personali valutazioni.


In relazione al rigassificatore di Brindisi, intendo richiamare, innanzitutto, l’iniziativa del Governo Prodi ispirata sin dall’inizio del suo mandato, politicamente e giuridicamente, a due obiettivi ineludibili: ripristinare la legalità e la legittimità di ogni procedura amministrativa in una materia così complessa e, in secondo luogo, assumere come vincolante il pronunciamento ripetuto ed esplicito delle Istituzioni locali (Regione, Provincia e Comune) contrarie alla realizzazione di tale impianto.


La sospensione dell’autorizzazione alla Brindisi LNG è risultata essere un atto conseguente a tale iniziativa, anche in relazione alla procedura di infrazione promossa dalla Commissione Europea e formalizzata il 18.07.2007 nei confronti dell’Italia per la assenza del procedimento di Valutazione di Impatto ambientale nei confronti delle opere previste, nonché per non avere consultato la popolazione locale ai sensi della cosiddetta direttiva Seveso, sconfessando la forzatura compiuta dal Governo Berlusconi che rilasciò il 21 gennaio 2003 una autorizzazione che si è rivelata inefficace ed illegittima.


Non ci ha mai mosso  alcuna sindrome Nimby (non nel mio giardino) nell’opposizione alla realizzazione di tale impianto. Il territorio di Brindisi ha dato in questi anni, infatti, un contributo altissimo al paese, ospitando il più grande polo energetico d’Europa (circa 5000 MW, di cui quasi 4000 a carbone; 8 milioni di tonnellate di carbone movimentati nel porto) e una serie di impianti industriali dalla pesante incidenza ambientale.


Ricorderò, infine, come la Regione Puglia abbia manifestato formalmente la disponibilità ad ospitare sul proprio territorio la realizzazione di un impianto di rigassificazione, purchè ciò avvenga nel pieno rispetto delle procedure di più ampia trasparenza, salvaguardia ambientale e coinvolgimento delle popolazione interessate.


Qualunque sia l’esito della prossima consultazione elettorale, continueremo il nostro impegno per la salvaguardia della imparzialità della pubblica amministrazione e per tutelare l’esigenza ineliminabile di pieno e consapevole coinvolgimento delle comunità locali dinnanzi a impianti di tali natura: due principi assolutamente insormontabili per qualunque Governo e di fronte a qualsiasi investimento.


Brindisi, 18.03.2008

sabato 24 febbraio 2024
METEO – La Protezione Civile Puglia ha diramato un avviso di allerta meteo gialla per domani, Domenica 25 febbraio, su tutta la Puglia. L'allerta gialla è per rischio idrogeologico a partire dalla mezzanotte alle ore 20 di ...
sabato 24 febbraio 2024
  Riceviamo e pubblichiamo nota del commissario regionale di Forza Italia, l’on Mauro D’Attis. “Forza Italia è il mio partito, la mia famiglia da sempre ed essere oggi tra i sei eletti nella segreteria ...
sabato 24 febbraio 2024
Ieri sera, venerdì 23 febbraio, poco prima della chiusura, un individuo armato di coltello ha compiuto una rapina presso l'Eurospin situato in via Carovigno a San Vito dei Normanni. Il rapinatore, agendo da solo, ha minacciato una ...
sabato 24 febbraio 2024
Una grande città, una grande mostra: Mesagne, capitale della cultura di Puglia, sarà presente alla ITB di Berlino dal 6 all’8 marzo per presentare a giornalisti tedeschi e di altri Paesi il grande evento organizzato dal ...
sabato 24 febbraio 2024
Lunedì 26 febbraio pv, alle ore 19.30, presso il Salone Ave Maris Stella in via Andrea Bafile 43 a Brindisi si terrà un incontro con Antonino Masuri, Communication and Fundraising Director presso Fondazione AVSI e cooperante ...